mano con cucchiaio di legno che esce da computer

 

Da oggi nasce ufficialmente una nuova sezione di questo blog dedicata alla cucina da scrivania.

Proprio così:  cucina da scrivania (ma si potrebbe chiamare anche  desk cooking!), ovvero preparare, o finire di preparare, il proprio pasto se non sulla scrivania almeno nella cucina del posto di lavoro.
Ma facciamo un passo indietro per capire come è nata quest’idea. Pranzare in ufficio portando da casa la “schiscetta “ –termine milanese degli anni Sessanta ormai accettato nel senso di lunch box in tutta Italia –è diventata un’abitudine che raccoglie sempre maggiori consensi, sia per ragioni economiche sia per ragioni salutistiche.

In pratica: si spende meno e si sa cosa si mangia, mica bruscolini.

Ma i tempi in cui le mamme e le mogli di operai e impiegati cucinavano piatti di pastasciutta per trasferirli in quegli ingegnosi contenitori in metallo che meritarono, appunto, il nome di schiscetta , sono lontani anni luce.

Oggi sul posto di lavoro si vuole pranzare in maniera variata, gustosa e salutare. Lo sai bene tu che frequenti queste pagine. Ma è giunto il momento di andare oltre, di non fermarsi a pranzare con quanto si è portato da casa, ma “cucinarlo” sul posto di lavoro, perché –si sa- i piatti cucinati e portati immediatamente in tavola sono tutta un’altra cosa.

E non ci vuole molto, per trovarsi nel piatto qualcosa cucinato al momento possono bastare anche pochi minuti. Max 10, diciamo. Un tempo che tutti hanno e devono avere a disposizione nella pausa pranzo.

È chiaro, non sto pensando a preparazioni complesse degne dei migliori anni de La Cucina Italiana, ma solo a sandwich sfiziosi, insalate, creme da tartinare e tante preparazioni in tazza che si cuociono in 2 minuti di microonde.
Ma non è solo una questione di gusto.

Decidere di darsi alla cucina da scrivania significa decidere di prendere effettivamente del tempo per sé stessi, staccando completamente da i problemi e dalle tematiche della giornata lavorativa. Quindi: stretching per la mente.

La cucina da scrivania, poi, obbliga a restare in piedi per, almeno, per il tempo necessario alla preparazione del piatto. Gran cosa per il fisico che, altrimenti, rischia di passare da seduto alla scrivania a seduto al tavolo da pranzo.
La cucina da scrivania può diventare anche occasione per socializzare sinceramente con i colleghi di lavoro. Puoi già immaginare l’interesse di chi lavora con te quando vedrà cosa andrai a fare seguendo le ricette di questa sezione. Preparati a diventare il/la masterchef dell’ufficio!

Detto questo, non ti resta che andare a dare un’occhiata alle ricette di questa sezione, dove ne troverai sempre di nuove. Ogni ricetta è organizzata in 2 parti: quello che devi  fare a a casa  preventivamente e quello che devi fare in ufficio per completare il tuo piatto. Buon appetito e buon divertimento con il desk cooking!

 

mano femminili su computer circondato da cibo