Conosci l’hummus? Io lo adoro, per me ogni scusa è buona per prepararlo e godermelo a tavola o come snack quando vengo assalita dal languorino di metà mattina o metà pomeriggio.  Nulla di strano, quindi, che lo proponga su queste pagine. Ora che il clima tende decisamente verso il caldo è una soluzione ideale per la pausa pranzo, perchè è  un piatto veloce da preparare, leggero e interessante dal punto di vista nutrizionale. E poi, vuoi mettere?, c’è anche il piacere di un  tocco etnico nella nostra alimentazione spesso imprigionata tar i binari della grande tradizione  gastronomica italaina.

Se per caso ancora non ti sei trovata/o a tu per tu con l’hummus, ti spiego velocemente di cosa si tratta. L’hummus è una preparazione culinaria tipica del Medio Oriente, dove viene normalmente servita come antipasto (meze) . La sua diffusione,  arriva anche alle tavole turche e greche, fa intuire che si tratta di un piatto dalle origini antichissime.

Preparato a partire da ceci e pasta di sesamo (la cosiddetta tahine o tahina che ora si trova con grande facilità anche nei supermercati italiani oltre che nei negozi di specialità etniche), l’hummus  si  presenta come una crema spalmabile che viene accompagnata con  pane azzimo, pita (il pane arabo, anche questo si trova con facilità dalle nostre parti), falafel (le polpette di ceci fritte) o verdure fresche.

Ed è proprio pensando all’accompagnamento con  verdure fresche che mi è sembrata una buona idea di proporlo come idea da schiscetta per la pausa pranzo tar le ore di lavoro o di studio. Si prepara in un attimo, si trasporta con facilità, nutre e non appesantisce, che vuoi di meglio?

Puoi prepararlo in anticipo e conservarlo in frigorifero per 2-3 giorni. Basterà che al momento giusto prepari dei bastoncini di verdura (sedano, carote, sedano rapa, cetrioli o peperoni) o lavi e asciughi ravanelli e pomodorini da intingere nella crema e il gioco è fatto. Ovviamente anche  dei triangoli di pita tostata o crackers o grissini  o fettine di ciabatta fresca possono fare al caso tuo.

Hummus

Preparazione: 5 minuti

 

Ingredienti per 1 porzione molto abbondante

250 gr. di ceci (lessati  in scatola vanno benissimo)
1 spicchio di aglio (ce ne vorrebbero 2, ma in prossimità dei colleghi è meglio contenersi con questo bulbo)*
1 cucchiaio  abbondante di tahina (pasta di sesamo, si trova in tutti i supermercati)
il succo fresco  di 1 limone
peperoncino in polvere (facoltativo)
1 cucchiaio abbondante  di prezzemolo fresco
olio extravergine d’oliva
sale

Versa nel bicchiere del frullatore (oppure in una terrina se usi un frullatore a immersione tipo Minipimer) i ceci lessati, la tahina, lo spicchio d’aglio, il succo di limone e il sale. Aziona il frullatore e frulla  fino a quando ottieni  un crema omogenea. Se ti sembra  troppo compatta, aggiungi un paio di cucchiai di acqua tiepida.
Versa la crema così  in un contenitore adatto al trasporto in ufficio e  spolverizza con il prezzemolo e un pizzico di peperoncino. Al momento di sederti a tavola rifinisci con un filo di olio extravergine d’oliva.

L’hummus va servito sempre a temperatura ambiente, per cui se lo metti nel frigorifero dell’ufficio, ricordati di tirarlo fuori almeno 20 minuti prima della pausa pranzo.

* Questo non vale, ovviamente, se utilizzi dell’aglio nero. Ma è ancora difficile trovarlo, in Italia.

 

hummus in contenitore tipo lunchbox

Salva

Salva

Salva